Il responsabile di lesioni personali in danno di un lavoratore dipendente, è tenuto a risarcire il datore di lavoro per la mancata utilizzazione delle prestazioni lavorative.
Lo stabilisce la sentenza datata 12 novembre 1988, nr. 6132, delle Sezioni unite della Corte di Cassazione.

L'infortunio è la conseguenza di un incidente fisico, ovvero un evento dannoso e imprevedibile. L'infortunio è un evento violento, fortuito ed esterno che produce lesioni con effetto di inabilità temporanea, invalidità permanente o nei casi più gravi la morte della persona.

La malpractice sanitaria (malasanità) si verifica nel momento in cui un soggetto erogatore del servizio (struttura ospedaliera, medico, etc.) non rispettando le linee guida minime per l'assistenza specializzata, provoca danni o lesioni gravi permanenti (o addirittura la morte) al paziente.

Insidie stradali (presenza di buche o tombini non segnalati), danni da animali in custodia etc.

Nella vita di ogni giorno può capitare di rimanere vittima di incidenti lesivi cagionati da terzi. Alcuni esempi di casi che accadono in modo più frequente di quanto si pensi:

Lo stile di vita frenetico dei conducenti i veicoli a motore, al giorno d'oggi, si traduce molto spesso  in una  guida distratta, una velocità elevata che abbinata al mancato rispetto della codice della strada sono tra le principali cause di aumento degli incidenti stradali che oltre che a causare danni materiali causano le ben peggiori lesioni fisiche.

L&P di Palermo Giuseppe & C. Sas
Via Arrigo Boito, 71, 20900 Monza MB
P. IVA 09656220960

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la navigazione. Per ulteriori informazioni visita la nostra pagina cookies policy.

  Accetto i cookies da questo sito.
EU Cookie Directive Module Information